140 People

05.02.2014 Corporate, Photography, Portrait

Anche senza ricorrere alla magia del digitale,
la fotografia si risolve spesso in una grande bugia,
è nella sua natura…
certe volte invece, una piccola bugia digitale
ti permette la semplice verità, l’autenticità di quel che racconti.
Mi è successo lavorando alla case history Cavotec Specimas,
azienda che ha compiuto 50 anni, con 140 persone che ci lavorano.
Per l’occasione si pubblicherà un libro, un’edizione importante,
e così mi dico: non è advertising, non è una brochure effimera,
è memoria aziendale, di persone, collettiva, duratura.
E dunque niente effetti speciali, ma la ricerca del vero,
la testimonianza di un’epoca in un ambiente di lavoro,
un gruppo di persone, i loro volti, le loro espressioni.
Appena arrivo, ecco il fatto: manca una persona,
dovrà essere inserita in seguito, in post-produzione.
Una magia, e una bugia, in tutta la sua Gravity,
e penso al film con Clooney e la Bullock girato in tempi separati.
Guardo le persone, i 139 volti che ho davanti,
non è facile mettersi in posa, e impersonare sé stessi,
ma come gestire questo sforzo è il mio mestiere, coraggio,
poco alla volta si crea familiarità, si vincono le ritrosie,
c’è pazienza, disponibilità, partecipazione, collaborazione.
Terminato il lavoro guardo i risultati, gli scatti,
e capisco cosa mi è successo, come ho lavorato:
è proprio la pecorella smarrita
quella che ti costringe a guardare meglio il gruppo,
e a riconoscere i singoli che lo costituiscono..

Il Dietro le quinte…

cavotec, specimas, corporate, project
cavotec, specimas, corporate, project
cavotec, specimas, corporate, projectcavotec, specimas, corporate, projectcavotec, specimas, corporate, projectcavotec, specimas, corporate, projectcavotec, specimas, corporate, project

cavotec, specimas, corporate, projectcavotec, specimas, corporate, project

AGENCY: WINNING ASSOCIATI

0 Comments

Lascia un Commento