mostra fotografica video

IMPRENDITORI CHE LAVORANO

Il titolo potrebbe apparire una provocazione.
lo dichiaro subito: per me lo è, eccome.

Imprenditori che lavorano
si sporcano le mani,
ci mettono la faccia, la testa e il cuore
danno lavoro a giovani, meno giovani e meno giovani ancora,
mettono in gioco i risparmi di una vita, per andare avanti,
in tempo di crisi, per non lasciare a casa nessuno.

Imprenditori che lavorano
a tutte le ore del giorno,
la formazione continua,
la ricerca fatta in casa nel “tempo libero”.

Imprenditori che lavorano
hanno anche difetti, inutile negarlo:
a volte camminano a testa bassa,
non prendono respiro,
negano il tempo alla famiglia,
vanno poco a teatro, al cinema, ai vernissage…
ma trovalo tu il tempo.

Imprenditori che lavorano
giudicateli come vi pare
pensate pure che sia retorica
ma hanno gli attributi
guardateli in faccia
questa è l’occasione buona.

 

Non mancare,  ti aspetto!
venerdì 5 maggio alle ore 17:30
Dove: Ex Chiesa Maddalena – Via Sant’Alessandro, 39b – Bergamo
Periodo mostra: 5 Maggio > 4 Giugno

I’m on fire
canta Bruce
ma lui non ha bisogno di pellet
l’energia non gli manca di certo

Di calore ne abbiamo bisogno
da tutti i punti di vista
affetto, passione, solidarietà,
amore, allegria, serenità
sono periodi tosti.

È con l’incontro che nasce la scintilla
la buona relazione, poi ci si scalda facilmente,
condividendo i momenti della quotidianità

Possiamo avere il nostro jolly
che sia legna o pellet
non è importante
una mano ce la dà sempre
ma solo noi decidiamo quando quando giocarlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

jolly mec fuoco camino stufa pellet calore ufficio

jolly mec fuoco camino stufa pellet calore

jolly mec fuoco camino stufa pellet calore bambini

jolly mec fuoco camino stufa pellet calore sci cane

jolly mec fuoco camino stufa pellet calore ragazza

Credits
Produzione: Gianni Canali Caleidostudio
Soggetti: Gianni Canali e Alessandro Della Valentina
Regia e DoP Gianni Canali
Camera Alessandro Della Valentina
Editing Alessandro Della Valentina
Elettricista & Assistente luci Marco Bergamini / Sebastiano Trovesi
Trucco Elena Donati
Agency: Forlani Studio
Client: Jolly-Mec
Thanks to:
Edoardo Milesi & Archos
Amina e Paolo
Marco e Silvia
Rullo

 L’energia è la grandezza fisica che misura la capacità di un corpo o di un sistema fisico di compiere lavoro
Il termine energia deriva dal tardo latino energīa, a sua volta desunto dal greco ἐνέργεια La parola è composta da en, particella intensiva, ed ergon, capacità di agire.
Vigore fisico, dei nervi e dei muscoli, potenza attiva dell’organismo;
Forza dinamica dello spirito, che si manifesta come volontà e capacità di agire.
Nella filosofia di Aristotele, l’atto o principio determinante e attuante, in contrapposizione alla materia o principio determinabile e potenziale
In fisica, l’attitudine del sistema a compiere un lavoro, che opera cioè in un processo in cui si produce lavoro e che è commisurata al lavoro fatto,
può presentarsi in forme diverse e convertibili l’una nell’altra, in relazione ai processi e ai fenomeni cui il sistema partecipa, e può essere scambiata tra sistemi diversi

courtesy Treccani Online

Vi siete mai domandati quanta energia occorre per produrre immagini fotografiche?
Non stiamo parlando di energia elettrica, sarebbe banale, ma di energia bruciata dal corpo umano, dalla testa ai piedi: Kcalorie
Pensiero e movimento, cervello, gambe, braccia…
In questo caso poi c’è di mezzo lo sport, e allora i conti si complicano.

Quattro fotografie = 100.000 Kcalorie
Il dato potrebbe sorprendere, ma proviamo a fare due conti:

Fotografo: be, dal sopralluogo a quattro set arriviamo all’incirca sui 10.000
Due assistenti per quattro set, attorno ai…25.000
Ora arriva il bello;
13 ciclisti circa una ventina di giri di pista…43.000
10 giocatori di basket, una buona serie di terzi tempi, stoppate, diciamo 7.000
4 pallavoliste, tuffi salti a go go 1.500
15 atleti 3000 siepi, certo non facevano il giro della pista, ma li abbiamo messi sotto torchio sprint e salto 15.000
Aggiungiamo gli allenatori, e non dimentichiamo account e AD dell’agenzia che ci hanno seguito: 6.000
Facciamo la somma e arriviamo a 107.500 Kcalorie conti approssimativi da tabelle e calcoli ricavati in rete.

Bene ora cosa ne facciamo di questo dato?
Del valore in se direi nulla, non siamo fanatici delle diete.

Ma centosettemilacinquecento Kcalorie mi servono per ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questi scatti, a testimonianza delle energie che occorrono per produrre immagini, forse un monito a coloro che pensano basti un semplice clic, ed il gioco è fatto.

Ah dimenticavo, sempre da Treccani online:

Nella tecnica, con riferimento alle modalità di sfruttamento dell’energia e alle forme in cui questa si rende disponibile a fini pratici, si parla correntemente di e. meccanica, e. termica, e. elettrica, e. idrica, ecc., e si dice fonte d’e. qualsiasi sostanza o processo capaci di mettere a disposizione dell’uomo una certa quantità di energia utilizzabile.

campagna bergamo energia atletica campagna bergamo energia basket campagna bergamo energia ciclismo campagna bergamo energia volley


ADV AGENCY: Multiconsult
Un grazie a tutti i ragazzi di Atletica Bergamo 1959, Bergamo Basket 2014, Team Colpack under 23, Volley Bergamo Foppapedretti
Runner Assistant: Sebastiano Trovesi

Il piacere che i bambini provano saltando nelle pozzanghere
o in bicicletta a gambe levate, schizzando ovunque e chiunque.

La sensazione è la stessa,
quel piacere di trasgressione, che ti prende in quell’attimo.

Abbiamo provato e riprovato quel piacere,
e poi l”abbiamo fermato, cristallizzato in un’immagine:
la corona di Sua Maestà!

 

milk latte fresco N&W majesty Re King

GianniCanali_18_04_2015

Vi aspetto

SABATO 18 APRILE 2015 ALLE ORE 18.00

Inaugurazione della mostra
GLUED TO THE WINDOW

Spazio Espositivo Comunale LE STANZE
presso la Biblioteca – Mediateca A. Meli
via Roma 140 Trescore Balneario (Bg)

 

oneyeland, gold, advertising, food, N&W, Necta, premio, award, qualià, ineguagliabile
oneyeland, gold, advertising, food, N&W, Necta, premio, award, qualià, ineguagliabile

 

 

…raccontala giusta

dillo a tutti i tuoi collaboratori, clienti e amici

che hai preso l’oro, grazie al tuo lavoro, e quindi anche grazie a loro…

 

 

 

oneyeland, gold, advertising, food, N&W, Necta, premio, award

oneyeland, gold, advertising, food, N&W, Necta, premio, award

oneyeland, gold, advertising, food, N&W, Necta, premio, award

ONE EYELAND AWARD 2014
AWARD: Gold
CATEGORIA: Advertising
SOTTO CATEGORIA: Food
TITOLO: Qualità Ineguagliabile

Grazie a:
Cliente: N&W
Art Direction: Luca Crescenzi & Luca Nicola
Food Stylist: Francesca Versolatto
Assistenti: Marco Bergamini, Alessandro Della Valentina

Partecipare al tour a Parigi di AMPI  Accademia Maestri Pasticceri Italiani è stato non solo un onore ma anche un vero piacere.

L’incontro con i grandi maître pâtissier francesi, nei laboratori e atelier di, Pierre Hermé, Arnaud Larher, Jean-Paul Hévin  è stato particolarmente affascinante.

Primo: gli assaggi…ebbene si cari miei, macarons , chocolats, desserts, una esperienza sensoriale indimenticabile.

Secondo: la scoperta di un mondo artigianale di altissimo livello associato a nomi illustri della Relais Desserts francese.

Questo è un aspetto del mio lavoro che amo immensamente, la possibilità di conoscere le mille sfaccettature di mondi completamente differenti, l’incontro e le relazioni con persone che vivono e lavorano con passione ed altissima competenza

Terzo: l’atmosfera rilassata in occasione degli incontri ha tolto il classico stress dei ritmi lavorativi odierni, inoltre devo aggiungere che i pasticceri sono particolarmente simpatici.

E poi Parigi.
La città che giravo in lungo e in largo da ragazzo con la macchina al collo, i primi B&N sino al calendario del 2005 delle sei città europee, che potete vedere qui , una città sempre affascinante e ricca di piacevoli sorprese.

Grazie AMPI

 

Ed ora alcune immagini: il ritratto ufficiale al Trocadero con il backstage (i turisti che fotografano il fotografo che fotografa…la Tour Eiffel), il dietro le quinte del viaggio, alcuni dei grandi pasticceri che riconoscerete sicuramente, d’altronde sono i nuovi divi della TV.

 

 

parigi rinaldini massari antonio daloiso gino fabbri sacchetti comaschi tour Eiffel
Read more…

Improvvisamente ho sentito dei colpi, forse erano diretti a me, un avvertimento: non avvicinarti troppo.

Mi incamminavo verso il cascinale al tramonto, avevo trovato la strada perfetta che divideva i campi di granoturco, molto simile al layout dell’agenzia.

Non potevo farmi scappare l’occasione: padre e figlio, i due modelli, li avrei ripresi in un’altra occasione, il tempo stringeva e il meteo prometteva pioggia.

Scatto, mi avvicino, scatto, individuo l’angolazione perfetta e sento i due colpi. Finisco di riprendere risalgo in macchina e me ne vado.

Forse non erano indirizzati a me, ma non si caccia al tramonto, mi sembra.

Era solo l’inizio della campagna “Simply Grow Together.” per ADAMA,  avventuroso direi.

Il resto è filato liscio, foto e video nel cascinale; lo sfondo dietro al portone, lo avremmo inserito successivamente, poi il fieno, il trattore,  padre e figlio che camminano verso casa…santa post produzione.

Un bel gruppo di lavoro, foto e video.

Il dubbio m’è rimasto, quell’ombra in fondo al viale, poco rassicurante; forse provava la carabina per il week end.

Mia nonna me lo diceva sempre che è un mestiere pericoloso, il fotografo.

 

 

ADV_21x28_Terra e Vita

agricoltura, grow, together, adama

agricoltura, grow, together, adama

 

 

Ecco a voi il dietro le quinte

 


Di restauratori ne ho conosciuti e parecchi
ho iniziato fotografando pale d’altare, affreschi.

Tre i momenti sacri della documentazione, un rituale:
il prima, il durante ( il tassello di pulitura, ne abbiamo già parlato, vi ricordate) il finale: la rinascita dell”opera d’arte. Per i restauratori si tratta di un nuovo parto

Li raggiungevo nelle chiese in pieno inverno, nei conventi,
suore, frati, parroci, poca preghiera, parecchio freddo, umido.

I restauratori, un po’ come tutti coloro che passano ore ed ore in solitudine, o in compagnia del solo assistente,
diventano duri, spigolosi, oserei dire invidiosi, non si sopportano l’un l’altro, è un ambientino “poco raccomandabile”.

Alberto l’ho conosciuto tardi, quando la fotografia di restauro per me era acqua passata e forse mi ha mostrato un altro volto del restauratore.

Alberto è leggero, non per questo superficiale, anzi pieno di passione, entusiasmo, amore per la vita e per il suo lavoro.
Viaggia, e questo non è da sottovalutare, il viaggio fisico o della letteratura apre la mente.

Ha uno sguardo severo, ma poco dopo sorride, ride, scherza, forse è un segno della timidezza di lontana gioventù.

Ha grande rispetto per l’interlocutore di turno, ma se non gli piaci non parla male di te, se ne frega, ti ignora, non meriti tempo.

Quando parla del suo lavoro si illumina, soffre, si incavola.

Nella pittura il pentimento è un ripensamento in corso d’opera, che un artista mette in atto, mascherando la versione precedente che non ritiene soddisfacente.
E i restauratori scoprono i pentimenti degli artisti lavorando sulla tela

Il pentimento di Alberto rispetto al suo lavoro riguarda la burocrazia. Non ha mai amato le restrizioni

Ma non può che pensar bene per il futuro.

Restauro Alberto, restorer

Sergio, il marinaio,

vabbè skipper,

di passaggio nel mio studio.

 

“Ho navigato,

ho corso nel deserto a 50°,

voglio raccontare le mie avventure”

ritratto portrait people skipper ruga wrinkle